AmoreArcangeliArcangelo Gabriele

Curare il bambino interiore con l’arcangelo Gabriele

Non importa quale sia la vostra età, dentro di voi c’è un piccolo bambino che ha bisogno di amore, calore, affetto e accettazione. Da piccoli, quando qualcosa non andava per il verso giusto, eravamo convinti  che ci fosse qualcosa di sbagliato in noi e che per essere amati e non rimproverati, dovevamo essere di più, dovevamo cambiare… Crescendo, in molti, hanno continuato ad alimentare questa falsa credenza e a non accettare se stessi. E’ come se dentro ognuno di noi, ci fosse un genitore che rimprovera continuamente il nostro bambino interiore, facendogli notare tutto quello che non va bene.

Lavorare con il bambino interiore è molto importante per poter guarire il passato e creare il nostro futuro. Il primo passo da fare è quello di imparare ad accettare ogni parte di noi stessi e di quello che siamo. Dobbiamo imparare a comunicare con il bambino interiore e fargli sapere che accettiamo tutto di noi, anche le cose sciocche, le meno divertenti o quelle che fanno paura.

L’amore dispone del più grande potere curativo del mondo; è in grado di guarire anche le ferite più profonde e dolorose del passato, perché è in grado di portare luce e comprensione in ogni angolo della nostra mente, anche nei più oscuri: ecco perché è importante guarire il nostro bambino interiore e il nostro passato con l’amore e creare le basi per la nostra felicità futura.

Se abbiamo difficoltà a farlo da soli, possiamo chiedere aiuto all’arcangelo Gabriele. Prima di andare a dormire, chiediamo all’arcangelo Gabriele di lavorare con il nostro bambino interiore e di guarirlo; visualizziamoci avvolti in una splendida luce bianca e dorata e pronunciamo ad alta voce o in mente, le seguenti parole:

“Arcangelo Gabriele, sono pronto/a a prendermi cura del mio bambino interiore, ad ascoltarlo e guarirlo.

Ti ringrazio, perché mi aiuterai a riconoscere le sue esigenze e a guarirlo con grazia, leggerezza e gioia.”

Se gli aspetti da guarire sono tanti, possiamo ripetere la procedura per diverse sere.

Permettiamo al sorriso di illuminare il nostro vivo e alla gioia di vivere di pervadere tutto il nostro essere…prendiamoci cura del nostro bambino interiore, guariamo le sue ferite e amiamoci ogni giorno di più.

Un abbraccio angelico a tutti.

Maria

Sull'autore

Avatar
Maria

Ciao! Se stai leggendo queste parole, se mentre navigavi su Internet sei finito su questa pagina, non è un caso. Probabilmente il tuo angelo ti ha condotto sin qui. Mi chiamo Maria, e sin da quando ero piccola ho sempre avuto una grande fede in Dio e negli angeli. Ho sempre saputo di non essere sola e in effetti ho sempre sentito una vocina che mi metteva in guardia dai pericoli o mi indicava cosa fare. Pur non avendo mai visto con gli occhi i miei angeli, sono entrata più volte in contatto con loro: in particolare mi è accaduto innumerevoli volte di essere svegliata nel cuore della notte da una carezza o da un abbraccio e di percepire la loro presenza nella mia stanza. Ed ora, eccomi qui! Quella vocina mi ha svegliato nel cuore della notte dicendomi di creare questo blog e di chiamarlo "La voce degli angeli". Spero che i contenuti e i temi che tratterò, possano aiutare tutti coloro che vogliono entrare in contatto con queste magnifiche creature, che Dio, con il suo immenso amore, ci ha donato per sostenerci nei momenti di difficoltà e guidarci nel nostro cammino terreno.

2 Commenti

  1. Avatar Paola Rispondi

    Maria grazie. Oggi che ne ho più bisogno le tue parole risuonano in me. Sono una tua lettrice silenziosa. Non commento mai ciò che scrivi né mi sento in diritto di esprimere opinioni su ciò che senti o vedi. Però oggi sento il bisogno di scriverti per incoraggiare ciò che fai: riflettere sulle cose importanti, confortare chi soffre, dire una parola buona e tenere per mano chi si è smarrito indicando una via, la tua via. Sono cose bellissime che denotano quanta umanità ci sia in te, indipendentemente dai messaggi. Amare l’uomo e dargli fiducia nel cammino, c’è comportamento più angelico di questo?
    Grazie.
    Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *