ArcangeliArcangelo GabrieleArcangelo MicheleArcangelo Raffaele

Lasciatevi curare dall’amore degli arcangeli

L’arcangelo Raffaele, come tutti sanno, è l’angelo preposto alla guarigione del corpo e dell’anima, ma non è il solo che può aiutarci. Dato che la Legge di Dio è armonia, misericordia e giustizia infinita, tutti e tre gli arcangeli possono sostenerci e aiutarci.

Michele, Raffaele e Gabriele sono creature piene di amore. Essi già intervengono in maniera spontanea per sostenere e consolare, ma se ne richiediamo l’intervento possono fare molto di più.

Quando apriamo il nostro cuore ai tre arcangeli e richiediamo il loro intervento per un malato o per un luogo di sofferenza, ognuno di loro agisce attraverso di noi. Se il nostro pensiero nei momenti del bisogno ricorresse sempre agli arcangeli, chiedendone amorevolemente e con fiducia l’intervento, ci sarebbe meno sofferenza.

E’ importante tenere ben presente una cosa: non sempre la persona per cui preghiamo ottiene la guarigione, ma di certo il suo dolore è alleviato. E allora chiediamo a Michele, Raffaele e Gabriele di essere vicino alle persone malate.

La loro presenza vicino al letto degli infermi è una realtà, anche se la ragione umana tende a negare la loro presenza. Molti tra coloro che soffrono o hanno sofferto li conoscono molto bene.

Essi stanno sulla soglia di ogni stanza d’infermo, davanti agli ospedali e alle case di chi soffre. Desiderano solo potervi entrare per portare un pò di sollievo, ma le barriere erette dalla mente umana sono spesso insormontabili.

Apriamo quindi il nostro cuore all’amore e all’aiuto degli arcangeli. Basta una semplice preghiera, un solo pensiero affinché il soccorso alato possa intervenire. Gli arcangeli raccolgono la nostra invocazione e la dirigono verso Dio.

Non sono necessarie parole complesse o rituali, basta usare parole che vengono dal nostro cuore. Potete invocare il loro intervento ogni volta che passate accanto ad un ospedale o che sentite la sirena di un’ambulanza.

Oltre alle medicine, non dimentichiamo dunque le preghiere, perchè possono aiutarci a stare meglio nella malattia. Michele, Raffaele e Gabriele ci sostengono e ci consolano, basta solo aprire il cuore.

Un abbraccio di luce e amore.

Maria

Sull'autore

Maria

Ciao! Se stai leggendo queste parole, se mentre navigavi su Internet sei finito su questa pagina, non è un caso. Probabilmente il tuo angelo o l'Universo (non importa come vuoi chiamarlo) ti ha condotto sin qui. Mi chiamo Maria, e sin da quando ero piccola, sono sempre stata affascinata dagli angeli e dalle fate. Ho sempre avuto l'impressione di non essere sola e in effetti ho sempre sentito una vocina che mi metteva in guardia dai pericoli o mi indicava cosa fare. Pur non avendo mai visto con gli occhi i miei angeli, sono entrata più volte in contatto con loro: in particolare mi è accaduto innumerevoli volte di essere svegliata nel cuore della notte da una carezza o da un abbraccio e di percepire la loro presenza nella mia stanza. Sebbene all'inizio tutto questo mi incuteva paura, in seguito ad una serie di eventi dolorosi, mi sono avvicinata sempre di più al mondo angelico e ho iniziato a comunicare con queste splendide creature. Dapprima ho acquistato tutti i libri di Doreen Virtue, poi ho seguito un seminario della splendida Isabelle Von Fallois ed il corso di Doreen Virtue che mi ha permesso di diventare Angel Card Reader certificata. Ed ora, eccomi qui! Il mio percorso spirituale è soltanto all'inizio, ma quella vocina di cui vi parlavo, mi ha svegliato nel cuore della notte dicendomi di creare questo blog e di chiamarlo "La voce degli angeli". Spero che i contenuti e i temi che tratterò, possano aiutare tutti coloro che vogliono entrare in contatto con queste magnifiche creature, che Dio, con il suo immenso amore, ci ha donato per sostenerci nei momenti di difficoltà e guidarci nel nostro cammino terreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa l'operazione richiesta * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.