AngeliNoi e gli angeli

La leggenda degli angeli di neve

Con l’espressione angeli di neve si indicano delle depressioni nella neve, create dal movimento del corpo umano, che hanno la sagoma di angeli. Si dice che gli angeli di neve siano stati inventati nel 1904 da Anna Thomas. Anna un giorno cadde accidentalmente con la schiena nella neve fresca; a causa della caduta, non riuscì subito ad alzarsi, ma riuscì solo a muovere gambe e braccia. Quando riuscì ad alzarsi, vide che aveva creato una sagoma angelica: un angelo di neve.

Esiste anche un altro racconto un po’ magico che spiega come sono stati creati gli angeli di neve.

LA LEGGENDA DELL’ANGELO DELLA NEVE

C’era una volta un angelo che volava alto nel cielo. Amava volteggiare fra le nuvole e tuffarsi su esse come fossero un morbido mare di panna montata. Un giorno l’angelo, facendo capolino da uno scorcio creato da un soffio di vento, sotto di lui scorse un’altra soffice nuvola bianca che sembrava morbida proprio come le sue nuvole.

Incuriosito si recò da San Pietro e gli chiese cosa potesse esserci di tanto bello sulla terra da essere paragonabile al suo Regno.  San Pietro gli disse che quello che aveva visto era la neve. L’angelo chiese il permesso di poter scendere sulla Terra per vedere se era morbida. San Pietro disse che poteva scendere, ma che doveva far attenzione, perché non avrebbe potuto usare le ali.

L’angelo aspettò che scendesse la notte, chiuse gli occhi e si buttò giù in picchiata. Atterrò sulla schiena, ma non sentì nulla: la neve era morbida come le nuvole. Aprì gli occhi, l’aria era fredda, un brivido gli percorse il corpo, ma era bellissimo! Stette qualche minuto così, poi provò ad alzarsi, ma non ci riuscì…il suo corpo non si muoveva.

Provò allora a muovere le ali…si muovevano, ma non si staccavano da terra. Sbattevano su e giù lasciando sulla neve le loro impronte, ma non volevano sollevarsi. L’angelo continuò a muovere le ali senza stancarsi mai, perché comunque era una sensazione bellissima! La luna dopo qualche ora si ritirò e fece capolino il sole.

Il sole chiese all’angelo cosa facesse per terra. Lui, che aveva un po’ di vergogna a farsi vedere così, rispose che non era un angelo del cielo, ma bensì un angelo della neve. Il sole disse che non  sapeva  dell’esistenza di questo tipo di angeli. L’angelo rispose che ce n’erano pochi. Il sole chiese all’angelo cosa avrebbe fatto quando la neve si sarebbe sciolta. Era davvero una bella domanda!

L’angelo allora fece un patto con il sole. Il sole l’avrebbe aiutato e in cambio lui sarebbe diventato il suo personale angelo della neve. Il sole allungò il suo raggio. L’angelo quando sentì il calore ebbe un po’ paura, tuttavia non avendo altra scelta, lasciò che la sua ala fosse catturata dal sole.

In un attimo il corpo infreddolito riacquistò calore e man mano che saliva diveniva sempre più caldo, sempre di più, finché le delicate piume cominciarono a bruciare e in un attimo l’angelo prese fuoco. Il sole restò lì impietrito: non pensava che l’angelo potesse essere così delicato! Arrivò la sera e il sole era sempre più abbattuto per ciò che era accaduto.

Incrociò per un attimo la luna che, colpita dal suo sguardo triste, gli chiese che cosa fosse accaduto. Il sole le raccontò tutto. La luna per consolarlo, gli disse che il cielo era pieno di angeli, ma il sole rispose che quello era il SUO ANGELO DELLA NEVE ed era UNICO!

Dopo queste parole lasciò il cielo alla luna e sparì. La luna lo guardò allontanarsi e forse non capì mai quello che aveva provato il sole, perché lei non aveva mai visto un angelo della neve e…chissà…forse nessuno ne avrebbe mai più visto un altro.

(Tratto dalla storia scritta da Emanuela)

Maria

 

Sull'autore

Avatar
Maria

Ciao! Se stai leggendo queste parole, se mentre navigavi su Internet sei finito su questa pagina, non è un caso. Probabilmente il tuo angelo ti ha condotto sin qui. Mi chiamo Maria, e sin da quando ero piccola ho sempre avuto una grande fede in Dio e negli angeli. Ho sempre saputo di non essere sola e in effetti ho sempre sentito una vocina che mi metteva in guardia dai pericoli o mi indicava cosa fare. Pur non avendo mai visto con gli occhi i miei angeli, sono entrata più volte in contatto con loro: in particolare mi è accaduto innumerevoli volte di essere svegliata nel cuore della notte da una carezza o da un abbraccio e di percepire la loro presenza nella mia stanza. Ed ora, eccomi qui! Quella vocina mi ha svegliato nel cuore della notte dicendomi di creare questo blog e di chiamarlo "La voce degli angeli". Spero che i contenuti e i temi che tratterò, possano aiutare tutti coloro che vogliono entrare in contatto con queste magnifiche creature, che Dio, con il suo immenso amore, ci ha donato per sostenerci nei momenti di difficoltà e guidarci nel nostro cammino terreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *